[Registi] Alessandro Blasetti

Pellicole cult e film che hanno fatto la storia del cinema, dalla sua nascita al 1980.

Moderatori: ivs, giuphish, darkglobe, Invisible

Rispondi
Avatar utente
Saimo
Utente Avanzato
Utente Avanzato
Messaggi: 2564
Iscritto il: sabato 25 agosto 2007, 12:49
Località: Roma

[Registi] Alessandro Blasetti

Messaggio da Saimo »

E siccome ho aggiornato quello di Mario Camerini, per par condicio, mi sento in dovere di aprire il topic su Alessandro Blasetti... :)
Ecco i titoli sinora disponibili:

- Nerone, 1930 (antologizzato in Petrolineide, Rhv )
- 1860, 1934 (Rhv)
- Vecchia guardia, 1934 (Bibax)
- Contessa di Parma, 1937 (Rhv)
- Retroscena, 1939 (Rhv)
- Un'avventura di Salvator Rosa, 1939 (Rhv)
- La corona di ferro, 1941 (Klf)
- La cena delle beffe, 1941 (Klf) + (Rhv)
- 4 passi fra le nuvole, 1942 (Rhv)
- Nessuno torna indietro, 1945 (in arrivo)
- Prima comunione, 1950 (Surf Video)
- Altri tempi, 1952 (Rhv)
- Peccato che sia una canaglia, 1954 (Medusa)
- La fortuna di essere donna, 1955 (Medusa)
- Amore e chiacchiere, 1957 (Medusa)
- Io, io, io... e gli altri, 1965 (Medusa)
Ultima modifica di Saimo il mercoledì 15 ottobre 2008, 11:48, modificato 10 volte in totale.
Avatar utente
Fred
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 681
Iscritto il: martedì 24 maggio 2005, 14:16
Località: Firenze
Contatta:

Re: [Registi] Alessandro Blasetti

Messaggio da Fred »

Bravissimo!
Saimo ha scritto: - 1860, 1934 (in arrivo)
1860 purtroppo è rimandato a novembre.
:-9
I miei DVD: i classici del Cinema, ma non solo

Lettore DVD Panasonic DVD S52 (dezonato a dovere); Blu-ray Sony BDP-S300; VPR Mitsubishi HC3100; ampli Onkyo TX-SR 605
Avatar utente
giuphish
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 4725
Iscritto il: venerdì 26 dicembre 2003, 13:22

Messaggio da giuphish »

Saimo ha scritto:E siccome ho aggiornato quello di Mario Camerini, per par condicio, mi sento in dovere di aprire il topic su Alessandro Blasetti... :)
Ottima iniziativa: anzi se ti sentirai in dovere di aprire altri topic su registi sui quali non ne esistono, farai cosa buona e giusta.
Solo una cosa: ti prego di segnalare gli eventuali nuovi topic aperti (con il relativo link) nel topic-indice relativo che trovi tra gli stickies della sezione, in modo che venga tenuto a mente che devono essere aggiunti alla lista dell'indice appunto.
Ci sarebbe poi da inserire nel tuo primo post il link a Quattro passi tra le nuvole -> http://www.dvdessential.it/forum/viewtopic.php?t=28752

:-9
Avatar utente
Saimo
Utente Avanzato
Utente Avanzato
Messaggi: 2564
Iscritto il: sabato 25 agosto 2007, 12:49
Località: Roma

Messaggio da Saimo »

Sperando di far opera gradita sia agli amici della Ripley's (e al delizioso Germani) che a quelli del forum, giro qui il poetico annuncio diffuso oggi via newsletter dalla benemerita casa editrice.



Rinascita di Blasetti
di Sergio Grmek Germani

Con Quattro passi fra le nuvole uscito lo scorso settembre, la Ripley's Home Video ha dato inizio all'edizione in DVD dei film di Alessandro Blasetti, con particolare attenzione al cinema degli anni Trenta. Rinnovando l'attivo scambio con gli archivi e le cineteche italiane, il progetto editoriale nasce dalla collaborazione con la Cineteca di Bologna presso i cui archivi e' conservato il ricchissimo Fondo Blasetti che raccoglie una molteplicita' di materiali: dai soggetti e sceneggiature alle pellicole, dalla corrispondenza con produttori, amici e attori, alle recensioni, ai progetti non realizzati e ancora foto, articoli, critiche, interviste, che consentiranno di ripercorre il cinema di un regista che piu' tenacemente ha cercato, in vari momenti della sua attivita' ed esemplarmente nella sua fase giovanile, una rinascita del cinema italiano. Non e' certo un autore che sia stato ignorato: con Camerini ha formato il binomio che critica e storiografia non hanno mai smesso di onorare. Ma cio' non vuol dire che la sua conoscenza sia stata adeguata: come generalmente capitava nell'atteggiamento a lungo perseguito verso il cinema, scetticamente esterno ad esso, di certe cose ci si accorgeva, di altre no. Anche i piu' grandi critici del passato, da Giacomo Debenedetti a Ennio Flaiano, seguivano (giustamente) l'erranza dei propri percorsi, tra liberta' di scrittura e coinvolgimenti produttivi, e non si rivolgevano al cinema italiano nella sua unita' organica; solo oggi possiamo accorgerci che cogliere questa non vuol certo dire rinunciare a delle convinte preferenze, non vuol dire insomma mettere tutto sullo stesso piano, ma saper vedere anche nei margini i riflessi, quando vi sono, della grandezza. Nel caso di Blasetti la volonta' di riscoperta si scontra innanzitutto con una dolorosa assenza: l'apparentemente perduto Il caso Haller, che nemmeno lui amava e di cui tutti hanno parlato come di una prestazione di routine, ci rivelerebbe in realta' qualcosa di fondamentale per Blasetti, in quanto variante su Jekyll & Hyde, sdoppiamento a cui tutto il suo cinema si riferisce. Non vedremo naturalmente mai piu' nemmeno le regie teatrali di Blasetti, ma anche di queste e' fondamentale tener conto, sia per lo "spettacolo di massa" 18BL, degna cornice del suo cinema di massa d'epoca fascista ripreso nel "cattolico" Fabiola, che per le postbelliche messinscene pirandelliane, che sono anch'esse delle variazioni su nature umane doppie e multiple. Cio' mette in evidenza che di Blasetti va colta la pluralita': i suoi film piu' riconosciuti, marchio del suo programma d'autore (da Sole e Terra madre attraverso Vecchia guardia fino al passaggio al dopoguerra attraverso Quattro passi fra le nuvole, e alcuni successivi) sono rivelati nel modo piu' giusto dal Blasetti "mestierante": qualcuno che non ha la leggerezza innata di Camerini, o la tensione di Matarazzo (di colui cioe' che "risucchia" anche nella commedia la radicalita' melo di Cottafavi, la grazia di Rossellini, l'avventura di Freda), estraneo anche all'arduo procedere, che riusciamo ad amare, di Genina e del miglior Gallone, Blasetti e' colui che dall'impegno professionale (anche istituzionale quando occorre) estrae la passione che appartiene al cinema. Con i citati Rossellini e Cottafavi egli costituisce il pantheon di una televisione possibile e mai nata. Le sue apparizioni in stivali as himself (da Visconti a Risi) sono la sua immagine giusta (divertentemente esplicitata da lui stesso nelle etichette di "Cecil B. DeMillion" e "Pabst e fagioli"), ma essa va percorsa coi segreti del suo universo artistico e famigliare: la ricerca di un beffardo martirio in La cena delle beffe non e' solo una miracolosa espressione di grandi presenze attoriali (Nazzari, Calamai, Valenti, Ferida, Cortese, Cegani: casting magnifico, completato da grandi doppiatori, come nella pluralita' femminile di Nessuno torna indietro e in altri suoi film corali), non e' solo un'acuta trascrizione del "pirandelliano" Benelli, e' la rivelazione della segreta tensione verso una vitalita' estrema, che sa diventare nel cinema anche la piu' affascinante realizzazione dell'attualismo gentiliano. Il meno che si possa dire oggi di Blasetti e' che nel cinema italiano odierno uno come lui (ci) manca, e se ci fosse tutto il cinema italiano sarebbe migliore.


I titoli della collana:

Quattro passi fra le nuvole
1860 (in uscita il 20 novembre, ndr)
Un'avventura di Salvator Rosa
Contessa di Parma
La cena delle beffe
Nessuno torna indietro
La tavola dei poveri
Palio
Assisi
Resurrectio
Retroscena
Terra madre
Aldebaran
L'impiegata di papà
godard
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 1
Iscritto il: domenica 8 giugno 2008, 4:48

nessuno torna indietro

Messaggio da godard »

Saimo ha scritto:Nessuno torna indietro
Dove trovo questo titolo? :-1
Avatar utente
Saimo
Utente Avanzato
Utente Avanzato
Messaggi: 2564
Iscritto il: sabato 25 agosto 2007, 12:49
Località: Roma

Re: nessuno torna indietro

Messaggio da Saimo »

godard ha scritto:
Saimo ha scritto:Nessuno torna indietro
Dove trovo questo titolo? :-1
L'elenco che ho postato è quello di tutti i titoli che comporranno (futuro semplice) la collana Ripley's, ma per adesso sono effettivamente usciti soltanto:

1860
4 passi fra le nuvole
Altri tempi
Un'avventura di Salvator Rosa
Contessa di Parma
Retroscena


Cui va aggiunto il precedente Petrolineide (che antologizza il perduto Nerone).
Se vuoi avere informazioni su un'eventualmente imminente uscita di Nessuno torna indietro, la cosa migliore da fare è scrivere direttamente a info@rhv.it (rispondono in fretta e assai cortesemente). Se invece hai fretta di vedere il film e abiti a Roma, potresti provare alla videoteca del Centro Sperimentale, scrivendo in anticipo a videoteca@csc-cinematografia.it ... Altrimenti, c'è poco da fare, ti resta soltanto il gorgo oscuro dei collezionisti.
Buona fortuna.
Avatar utente
Saimo
Utente Avanzato
Utente Avanzato
Messaggi: 2564
Iscritto il: sabato 25 agosto 2007, 12:49
Località: Roma

Messaggio da Saimo »

E, come per miracolo, Nessuno torna indietro è effettivamente in uscita il 25 novembre...
Avatar utente
Saimo
Utente Avanzato
Utente Avanzato
Messaggi: 2564
Iscritto il: sabato 25 agosto 2007, 12:49
Località: Roma

Re: [Registi] Alessandro Blasetti

Messaggio da Saimo »

Rispondi