Ordinanza contro CloudFlare

Tutto su copie digitali, download e streaming. UltraViolet, iTunes, Amazon Instant Video, Netflix, ecc.

Moderatori: darkglobe, rmontaruli

Regole del forum
Scaricare o acquistare film illegalmente è la fine dei film.
All'interno di questo forum non è consentito promuovere il download illegale di film e altre forme di pirateria.
Rispondi
Avatar utente
darkglobe
Utente Avanzato
Utente Avanzato
Messaggi: 2940
Iscritto il: lunedì 9 febbraio 2004, 12:19
Località: Italy

Ordinanza contro CloudFlare

Messaggio da darkglobe »

Nella prima metà di luglio vi è stata una importante sentenza del TRIBUNALE DI MILANO Sezione XIV che, nella persona del giudice dott. Claudio Marangoni ha pronunciato una ordinanza nel procedimento cautelare iscritto al N. 50126/2021 R.G. promosso da SONY MUSIC ENTERTAINMENT ITALY s.p.a., UNIVERSAL MUSIC ITALIA s.r.l. e WARNER MUSIC ITALIA s.r.l. contro CLOUDFLARE INC
Come noto a molti Cloudflare offre due servizi chiave abbastanza rilevanti che purtroppo facilitano la pirateria.

Il primo è un servizio di DNS "aperto" che non ottempera alle direttive di blocco emanate dall'AGCom relative alle blacklist di siti che promuovono la pirateria. In pratica usando i DNS di Cloudflare (ma non solo i loro) è possibile "risolvere" liberamente i nomi di siti per i quali l'AGCom italiana ordina ai provider nazionali di effettuare un blocco di risoluzione del nome.

Il secondo servizio è quello di reverse proxy, ovvero un sistema di "intermediazione" tra gli utenti ed il sito "reale" che offre servizi. Questa intermediazione da un lato migliora le performance dei siti stessi e previene attacchi informatici di tipo DDOS ma dall'altro "maschera" la posizione dei server su cui girano tali siti, rendendoli praticamente non identificabili, elemento chiave nell'ambito della pirateria.

Sia ben chiaro, Cloudflare offre servizi assolutamente legali ed in alcuni casi molto utili, ma è evidente che qualcuno ne stava sfruttando ampiamente le suddette funzionalità per promuovere iniziative illegali quali i motori di ricerca torrent.

La sentenza è stata favorevole ai ricorrenti per cui Cloudflare sta implementando il blocco su tre siti torrent, sia a livello di dns che di reverse proxy.

L'aspetto a dir poco straordinario di questa vicenda è che il procedimento è stato promosso dalle tre suddette aziende esclusivamente per il comparto musicale, mentre tutta l'abbondante pirateria relativa al cinema viene lasciata libera di agire come sempre.
Sta di fatto che il blocco suddetto, operato contro Cloudflare, può costituire una seria premessa affinché l'azione di contrasto alla pirateria si intensifichi ulteriormente. Del resto su torrent non circola solo la musica. :-21
Rispondi