[Restauri] Classici e film di culto

Pellicole cult e film che hanno fatto la storia del cinema, dalla sua nascita al 1980.

Moderatori: darkglobe, ivs, giuphish, Invisible

Rispondi
Avatar utente
j
Utente Senior
Utente Senior
Messaggi: 1262
Iscritto il: venerdì 5 dicembre 2003, 22:28

Re: [Restauri] Classici e film di culto

Messaggio da j »

Eolus ha scritto: sabato 8 agosto 2020, 18:56
darkglobe ha scritto:Per rendere omaggio a Lina Wertmüller, regista premio Oscar alla carriera, la Pinacoteca D'Errico di Palazzo San Gervasio, Potenza, ha "avviato un progetto per la realizzazione del restauro della pellicola del film in bianco e nero I Basilischi, girato proprio a Palazzo San Gervasio nel 1963". (fonte: Cinecittà News)
I BASILISCHI, opera prima della Wertmuller, è una pietra miliare del cinema sociale italiano che non è mai stato diffuso come merita. Un vero contraltare meridionale del più celebrato I VITELLONI e un capolavoro assoluto del cinema nostrano. Non mi risulta mai realizzato in dvd, e anche sulle televisioni è comparso poco. Ciononostante è rimasto fortemente radicato nella memoria e nell'immaginario. Sono stato fortunato a carpire una registrazione televisiva tantissimi anni fa, che ho dovuto prestare in varie occasioni ove occorreva presentarlo, ma mi sono sempre rammaricato della cattiva qualità, con una copia infarinata ai limiti della solarizzazione. Sapere che il film sarà restaurato mi fa gioia. Ma potremo avere tra le mani un bel Blu Ray?
NO... ma almeno è già disponibile nella versione restaurata su Amazon Prime Video.
Avatar utente
Saimo
Utente Avanzato
Utente Avanzato
Messaggi: 2587
Iscritto il: sabato 25 agosto 2007, 12:49
Località: Roma

Re: [Restauri] Classici e film di culto

Messaggio da Saimo »

Nelle ultime settimane in rete si sta discutendo parecchio dell'etica del restauro, in particolare per quanto riguarda il rispetto delle colorimetrie originali. Oggi in particolare è uscito un dettagliato articolo (in francese) sulle problematiche che spesso affliggono i restauri realizzati da Eclair e L'Immagine Ritrovata (con un elenco, purtroppo sterminato, dei titoli interessati).
Ultima modifica di Saimo il domenica 9 maggio 2021, 9:46, modificato 1 volta in totale.
If you really love someone's work, write to them and let them know. It keeps them going. (Nick Wrigley)
Avatar utente
j
Utente Senior
Utente Senior
Messaggi: 1262
Iscritto il: venerdì 5 dicembre 2003, 22:28

Re: [Restauri] Classici e film di culto

Messaggio da j »

Saimo ha scritto: sabato 8 maggio 2021, 20:27 Nelle ultime settimane in rete si sta discutendo parecchio dell'etica del restauro, in particolare per quanto riguarda il rispetto delle colorimetrie originali. Oggi in particolare è uscito un dettagliato articolo (in francese) sulle problematiche che spesso affliggono i restauri realizzati da Eclair e L'Immagine Ritrovata (con un elenco, purtroppo sterminato, dei titoli interessati).
Interessante.
A me negli ultimi giorni è successo di tornare sull'argomento, grazie all'ennesima nuova edizione americana de "Il buono, il brutto, il cattivo" (BD + UHD) che finalmente rettifica gli eccessi del color grading firmato Immagine Ritrovata, con sommo gaudio dei collezionisti americani.

La domanda che ti faccio, Simone, è molto semplice: PERCHÉ?
Qual è il pensiero razionale che spinge un tale arbitrario revisionismo su, praticamente, quasi tutto quello che si restaura? Quello che mi sconcerta è l'appiattimento delle caratteristiche fotografiche verso un unico schema.
E finisce, così, che titoli diversi come "Pane e cioccolata", "Il buono, il brutto, il cattivo", "Amarcord", "Todo modo", "Morte a Venezia" abbiano tutti lo stesso identico aspetto.
Avatar utente
j
Utente Senior
Utente Senior
Messaggi: 1262
Iscritto il: venerdì 5 dicembre 2003, 22:28

Re: [Restauri] Classici e film di culto

Messaggio da j »

Ah, e l'ulteriore domanda è come hanno fatto e fanno registi, direttori della fotografia, proprietari dei diritti, finanziatori e selezionatori di festival ad accettare così acriticamente tutti la "firma del laboratorio" che va a sovrascrivere in maniera tanto evidente il lavoro degli autori.
Avatar utente
Saimo
Utente Avanzato
Utente Avanzato
Messaggi: 2587
Iscritto il: sabato 25 agosto 2007, 12:49
Località: Roma

Re: [Restauri] Classici e film di culto

Messaggio da Saimo »

Spiace dirlo, ma secondo me i motivi di queste scelte scellerate c'entrano ben poco con il rispetto per il cinema. Nel momento in cui il restauro diventa innanzitutto un business, è inevitabile che si cominci a ragionare in termini di profitti, ottimizzando tempi e costi. Riciclare le stesse impostazioni predefinite per tutti i film va senz'altro in questa direzione, anche se così si rischia di falsare completamente la fotografia originale, con esiti potenzialmente disastrosi rispetto alla percezione del cinema "vintage" presso il pubblico generalista.
A titolo personale aggiungo che nell'ormai lontano 2014, quando collaboravo con RHV, ci trovammo nella spiacevole situazione di dover contestare pubblicamente il ri-restauro bolognese di Per un pugno di dollari, con argomentazioni che all'epoca molti bollarono come pretestuose ma che oggi vengono appunto confermate da decine di analisi. Peccato che intanto in questi 7 anni decine di film abbiano subito lo stesso trattamento.
If you really love someone's work, write to them and let them know. It keeps them going. (Nick Wrigley)
Avatar utente
darkglobe
Utente Avanzato
Utente Avanzato
Messaggi: 2833
Iscritto il: lunedì 9 febbraio 2004, 12:19
Località: Italy

Re: [Restauri] Classici e film di culto

Messaggio da darkglobe »

L'articolo mette finalmente per iscritto quello che si mugugnava da tempo, ovvero che l'intervento di restauro dei film si sta trasformando in un vero e proprio abuso culturale sull'opera artistica (dietro il quale l'unica cosa che conta sono i soldi), abuso a cui purtroppo tutti sembrano incredibilmente sottostare. L'effetto è di uniformare tutte le pellicole dei vari "restauratori", alterandone in maniera vistosa i risultati cromatici al punto da rendere impossibile comprendere quali siano state all'epoca le intenzioni originali dei vari registi e relativi direttori della fotografia.
Sta di fatto che in taluni casi questa velleità della "firma" da laboratorio produce risultati indecenti e tra questi purtroppo vanno annoverati senza alcuna ombra di dubbio i lavori della Cineteca di Bologna, con quella firma vedognola e la tendenza alla sfocatura sempre più insopportabili.
Il problema è che non si tratta certo di alterazioni minimali ma di interventi così invasivi da rendere evidente la pochezza culturale di chi si assume la responsabilità di simili scelte. La Cineteca Nazionale aveva già denunciato da tempo il business del restauro a discapito di quella che sarebbe una maniera più utile di spendere i soldi, ovvero semplice scan di pellicole e negativi prima che vadano persi col tempo. :-21
Avatar utente
Errix
Utente Avanzato
Utente Avanzato
Messaggi: 5746
Iscritto il: sabato 29 dicembre 2007, 14:25
Località: Milano

Re: [Restauri] Classici e film di culto

Messaggio da Errix »

in occasione del centenario della nascita di Nino Manfredi è stato recentemente presentato al festival di Venezia il restauro di Per grazia ricevuta

"Il restauro di Per grazia ricevuta è stato realizzato nel 2021 dal Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale e da Istituto Luce-Cinecittà a partire dal negativo scena originale 35mm messo a disposizione da RTI-Mediaset in collaborazione con Infinity+. Per la colonna sonora è stato utilizzato un positivo ottico della Cineteca Nazionale. Laboratorio: Istituto Luce – Cinecittà."
https://www.fondazionecsc.it/evento/per ... e-cinemat/

speriamo che a breve possa uscire un'edizione home video degna di questo film
un paio d'anni fa era uscito il dvd della Mustang ma alla fine credo si trattasse di una ristampa del vecchio Medusa con formato video 4/3
Parola di Roberto Carlino
Rispondi