Addio a Franco Battiato, Musicista geniale

Per parlare di musica e di DVD audio.

Moderatori: giuphish, darkglobe, MelvinUdall

Rispondi
zasor56
Utente
Utente
Messaggi: 705
Iscritto il: giovedì 8 marzo 2012, 23:04

Addio a Franco Battiato, Musicista geniale

Messaggio da zasor56 »

E' un periodo davvero triste questo per il mondo della musica e dell'arte: dopo la grandissima Milva, anche un gigante della musica italiana ci ha lasciato. Franco è stato un musicista straordinario, che ha rivoluzionato la canzone e il concetto stesso di musica "pop" nel senso di popolare dal finire degli anni '70 in poi (qui non prendiamo in considerazione i suoi esordi o le sperimentazioni audaci tipo "Fetus", "Pollution", "L'Egitto prima delle sabbie" etc.).

Se già "Bandiera bianca" annunciava temi, ritmi e significati innovativi che annunciavano nuove dimensioni e magie nella musica leggera italiana, da "Summer on a solitary beach" ("La voce del padrone") in poi è stato tutto un susseguirsi di brani straordinari, audaci, con contaminazioni sempre più sorprendenti, colte e popolari allo stesso tempo.

E Franco Battiato non è stato un genio che si è tenuto tutto per sè, ma ha composto, prodotto e collaborato per altri artisti meravigliosi come lui, a partire dalle tre "Battiatesse" per eccellenza, la meravigliosa Giuni Russo dalla voce eccelsa, la sensibile e raffinata Alice dal timbro inconfondibile, e naturalmente la sua grande amica Milva, voce e interprete stupenda, con cui ha realizzato ben tre album che sono tre autentiche perle della musica italiana di tutti i tempi.

Grandissimo Franco, grazie per la musica meravigliosa e le emozioni intense che ci hai donato: non ti potremo dimenticare mai!

Immagine

Una splendida foto (dal web) che mostra Franco Battiato e Milva mentre si stringono in un forte abbraccio
che testimonia l'intenso rapporto di amicizia, di affetto e di stima reciproca che li legava. Ora potranno riabbracciarsi in un'altra Dimensione...
Ultima modifica di zasor56 il mercoledì 19 maggio 2021, 21:51, modificato 2 volte in totale.
I want more life... father!
giullare
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 54
Iscritto il: martedì 9 febbraio 2021, 20:12

Re: Addio a Franco Battiato, Musicista geniale

Messaggio da giullare »

personalmente gli sperimentali-elettronici fetus e pollution i miei albums preferiti
Avatar utente
leone510
Utente Avanzato
Utente Avanzato
Messaggi: 6467
Iscritto il: sabato 11 giugno 2005, 10:39
Località: napoli

Re: Addio a Franco Battiato, Musicista geniale

Messaggio da leone510 »

Un grande, da piccolo conoscevo a memoria parola per parola "La voce del padrone", l'intero album, poi ho scoperto il resto, e li mi si è aperto un mondo! Immenso e geniale artista precursore dei tempi! :-26
Avatar utente
darkglobe
Utente Avanzato
Utente Avanzato
Messaggi: 2818
Iscritto il: lunedì 9 febbraio 2004, 12:19
Località: Italy

Re: Addio a Franco Battiato, Musicista geniale

Messaggio da darkglobe »

A me colpì molto il fatto che la caduta del 2017, che segnò il suo ritiro dalle scene, per quanto violenta, avesse compromesso in maniera così repentina e irreversibile la lucidità mentale di una persona che aveva fatto dell'elemento speculativo e dell'evocazione mistica la forza del proprio percorso artistico. Il successo clamoroso dell'esperienza stra-pop de "La voce del padrone" gli aveva infatti consentito di proporsi da allora in poi al pubblico privo di briglie commerciali di alcun tipo, anche con collaborazioni altrimenti improponibili (si pensi a Sgalambro), uscendo oltretutto dallo sperimentalismo e il solipsismo dei primissimi anni.
Battiato è stato parola che si faceva musica, esprimendo il conflitto tra fisicità e provvisorietà terrena da un lato, senso contemplativo del divino dall'altro. Che grande e dolorosa perdita.
zasor56
Utente
Utente
Messaggi: 705
Iscritto il: giovedì 8 marzo 2012, 23:04

Re: Addio a Franco Battiato, Musicista geniale

Messaggio da zasor56 »

darkglobe ha scritto: mercoledì 19 maggio 2021, 17:52 A me colpì molto il fatto che la caduta del 2017, che segnò il suo ritiro dalle scene, per quanto violenta, avesse compromesso in maniera così repentina e irreversibile la lucidità mentale di una persona che aveva fatto dell'elemento speculativo e dell'evocazione mistica la forza del proprio percorso artistico. Il successo clamoroso dell'esperienza stra-pop de "La voce del padrone" gli aveva infatti consentito di proporsi da allora in poi al pubblico privo di briglie commerciali di alcun tipo, anche con collaborazioni altrimenti improponibili (si pensi a Sgalambro), uscendo oltretutto dallo sperimentalismo e il solipsismo dei primissimi anni.
Battiato è stato parola che si faceva musica, esprimendo il conflitto tra fisicità e provvisorietà terrena da un lato, senso contemplativo del divino dall'altro. Che grande e dolorosa perdita.
Sottoscrivo ogni parola. Peronalmente non amo molto l'espressione "sono sempre i migliori che se ne vanno", ma in questo caso la trovo molto vera.
I want more life... father!
Rispondi