George Cukor, Master of Elegance (1994) di Emanuel Levy

Lo spazio per gli appassionati della lettura: romanzi e libri che hanno fatto storia, le nuove uscite e quelli che hanno ispirato il cinema.

Moderatori: giuphish, darkglobe, rmontaruli

Rispondi
zasor56
Utente
Utente
Messaggi: 686
Iscritto il: giovedì 8 marzo 2012, 23:04

George Cukor, Master of Elegance (1994) di Emanuel Levy

Messaggio da zasor56 »

Immagine

George Cukor – Master of Elegance
Autore: Emanuel Levy
Lingua: inglese
Casa editrice: William Morris, New York, USA
Anno di pubblicazione: 1994
Edizione rilegata con sovraccoperta fotografica
Pagine: 464

Ho appena completato la lettura di questa bellissima biografia del grande George Cukor, il famoso “regista delle donne”.

Leggendo questo lungo racconto su quello che è stato il suo enorme contributo a tanto cinema della Hollywood classica, si comprende il perché di quel nomignolo che lo ha accompagnato per decenni e che si usa ancora oggi che lui non c’è più: la sua sensibilità verso un certo tipo di recitazione e di situazioni, unite all’indagine di certe caratteristiche dell’animo femminile lo hanno reso un vero maestro nell’arte di valorizzare al massimo tante eroine, pur avendo evidentemente diretto anche altrettanti attori uomini (se si eccettua il famoso “Donne” con protagoniste solo, appunto, donne); non è un caso, credo, che con gli attori da lui diretti si sia spesso scontrato, come questo volume illustra con abbondanza di particolari (basti pensare a quello che successe sul set di “Via col vento” tra lui e Clark Gable, o a quanto Stewart Granger lo abbia detestato all’epoca di “Sangue misto”).

E’ vero però che lo stesso Cukor entrò in conflitto anche con tre famose attrici, che poi rimasero per sempre nella lista nera delle donne che lui odiava (una americana, una francese e una italiana, indovinate un po’ i loro nomi…).

In realtà, leggere questa biografia è un affascinante viaggio nell’epoca d’oro del cinema americano, e quindi non posso che consigliarlo caldamente a tutti coloro che amano la vecchia Hollywood.

p.s. domani inizio a leggere il secondo dei tre volumi che mi sono procurato su George Cukor: vi saprò dire…
I want more life... father!
Rispondi