Masters of Horror

La programmazione, i film, le serie tv e tutti gli argomenti correlati...

Moderatore: darkglobe

Messaggioda Folken » lunedì 1 ottobre 2007, 8:56

pkdick ha scritto:per la terza serie, cambio di network e di nome: i Masters of Horror dovrebbero diventare Fear Itself

http://www.latelanera.com/news/notizia.asp?id=835
mah...
Immagine


Non incoraggiare un uomo perchè ha commesso un solo errore equivale a impedirgli di migliorarsi...
...Mi faccio suo garante perchè un tempo ha sbagliato. non si può accordare fiducia a chi non ha mai commesso errori.
Hagakure (I,50)
Avatar utente
Folken
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 2806
Iscritto il: martedì 25 febbraio 2003, 22:37
Località: Perugia

Messaggioda vegeta85 » lunedì 7 gennaio 2008, 2:01

so di arrivare ultimo, ma sto recuperando alcuni episodi della prima serie...

i miei giudizi finora:

Carpenter e Dante: vicini al capolavoro
Landis: simpatico
Argento: ignobile

prossimamente mi vedo Hopper e Gordon
I could live without so much
I can die without a clue
Sun keeps risin' in the west
I keep on wakin' fully confused
Avatar utente
vegeta85
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 16920
Iscritto il: sabato 18 gennaio 2003, 15:30
Località: Ferrara

Messaggioda Invisible » lunedì 7 gennaio 2008, 2:54

vegeta85 ha scritto:Argento: ignobile


Avevo letto altrove il tuo commento e quello di Dick. Praticamente, l'avete stroncato. Io, invece, pur non considerandolo eccelso, l'ho trovato molto buono. I motivi li ho spiegati nella mia rece delle pagine addietro.
"Lui era bellissimo, ma Lei non lo vedeva proprio..."

Immagine
"It's the most horrible thing I've ever seen in my life!"

Immagine THE CINEPUZZLE
Avatar utente
Invisible
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 13925
Iscritto il: domenica 30 maggio 2004, 19:36

Messaggioda pkdick » lunedì 7 gennaio 2008, 10:28

in effetti ignobile mi sembra eccessivo...
la sceneggiatura sembra scritta da un bimbo di tre anni poco maturo per la sua età, ma la messa in scena riesce ad essere a tratti suggestiva.
Avatar utente
pkdick
Utente
Utente
 
Messaggi: 915
Iscritto il: domenica 26 settembre 2004, 1:06
Località: Mercogliano (AV)

Messaggioda Chobin » lunedì 7 gennaio 2008, 12:15

vegeta85 ha scritto:so di arrivare ultimo, ma sto recuperando alcuni episodi della prima serie...


Tranquillo, ci sono sempre io in coda. :-26
Spero di rimediare presto. :-4 :-4 :-4
Sono sicuro di aver fatto solo grandi stronzate.
Sono un artigiano. Un artigiano romantico, di quelli scomparsi.
Ho fatto il cinema come fare le seggiole...

Mario Bava

Ho deciso di essere educato in un mondo di maleducati.
Antonio Margheriti
Avatar utente
Chobin
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 9293
Iscritto il: venerdì 20 dicembre 2002, 12:24
Località: Roma

Messaggioda vegeta85 » lunedì 7 gennaio 2008, 14:16

pkdick ha scritto:ma la messa in scena riesce ad essere a tratti suggestiva.


eh si...molto raffinate le scene hard degne di "Colpo Grosso" oppure gli inquietanti momenti splatter, come quando l'orrenda protagonista sbrana il gatto (di gomma).

Per me è spazzatura allo stato puro.
I could live without so much
I can die without a clue
Sun keeps risin' in the west
I keep on wakin' fully confused
Avatar utente
vegeta85
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 16920
Iscritto il: sabato 18 gennaio 2003, 15:30
Località: Ferrara

Messaggioda pkdick » lunedì 7 gennaio 2008, 16:34

madonna, se t'è sembrato volgarotto questo aspetta di vedere le sequenze di "fine erotismo" in pelts, il suo episodio stagione 2... :lollol

no, scherzi a parte in questo anche le scene "hard" mi sono sembrate funzionali. jenifer rappresenta un'ossessione, morbosa, eccessiva, abbrutente e annebbiante. che quando pensi di essertene liberato ti trascina ancora più giù. visto in questa chiave il lavoro di argento mi pare accettabile.
Avatar utente
pkdick
Utente
Utente
 
Messaggi: 915
Iscritto il: domenica 26 settembre 2004, 1:06
Località: Mercogliano (AV)

Messaggioda vegeta85 » lunedì 7 gennaio 2008, 17:11

pkdick ha scritto:
no, scherzi a parte in questo anche le scene "hard" mi sono sembrate funzionali. jenifer rappresenta un'ossessione, morbosa, eccessiva, abbrutente e annebbiante. che quando pensi di essertene liberato ti trascina ancora più giù. visto in questa chiave il lavoro di argento mi pare accettabile.


ma dai, la progressione psicologica del protagonista è affrettata, meccanica, ridicola. Nel giro di due scene diventa alcolizzato, viene abbandonato da moglie e figli e decide di lasciare la città (senza che nessuno dei colleghi poliziotti tenti nemmeno di ritracciarlo).

Il perchè del legame morboso tra Jenifer e il poliziotto poi non mi pare che venga motivato in nessun modo....forse si era innamorato delle sue bocce! :-3
I could live without so much
I can die without a clue
Sun keeps risin' in the west
I keep on wakin' fully confused
Avatar utente
vegeta85
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 16920
Iscritto il: sabato 18 gennaio 2003, 15:30
Località: Ferrara

Messaggioda Dick Laurent » lunedì 7 gennaio 2008, 17:24

pkdick ha scritto:ma la messa in scena riesce ad essere a tratti suggestiva.


sarà, ma io la messa in scena non l'ho vista...tutto di second'ordine, fotografia scarsina, regia statica, musiche banali. Per i contenuti meglio lasciar eperdere, davvero, io ho rimpianto Il fantasma dell'opera...un brutto film che ha dalla sua una scenografia quasi affascinante ed una regia non ancora piatta come l'Argento odierno (anche se forse l'ultima bella regia, e parlo di tecnica e non di film, l'ho vista in Opera: movimenti e vrtuosismi gratuti fin che vi pare, ma almeno c'erano! :-28 ).


Invisible ha scritto:Praticamente, l'avete stroncato


se conti che in pratica gli abbiamo dato entrambi 3 (già, perché nel mio parametro * vale dal 3,75 in giù :lollol) puoi tranquillamente dire che lo abbiamo distrutto, non stroncato :lollol ;)


vegeta85 ha scritto:prossimamente mi vedo Hopper e Gordon


Hooper è all'altezza di Argento, davvero, non so dove fosse con la testa in quel momento (ma anche quando ha diretto tutti i suoi film più recenti, The Mangler escluso). Gordon caruccio, nulla di originalissimo, ma trucchi curati benino e atmosfera non disprezzabile. Paga soprattutto la breve durata, che non permette sviluppi e/o speigazioni che potevano pure essere utili.

Sto recuperando l'episodio di Garris, poi tocca ai miei preferiti: Carpenter, Dante e Landis!!

:-9
[font=Lucida Console]AXX° n N[/font]

ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine Immagine
Avatar utente
Dick Laurent
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 2495
Iscritto il: martedì 20 marzo 2007, 17:00
Località: Mulholland drive...

Messaggioda pkdick » lunedì 7 gennaio 2008, 17:35

si, se parliamo della sceneggiatura e delle sue "leggerezze" non finiamo più. tanto per dirne un'altra,

[spoil]si porta via jenifer dalla casa di cura senza che nessuno abbia a dire nulla, e puoi vuole affibbiarla a un circo di passaggio senza aspettarsi che gli venga chiesto niente in proposito?[/spoil]

Ma diciamo che ci passo sopra (più o meno) considerando che in genere la coerenza della sceneggiatura non mi sembra rientri nella cifra stilistica di argento...
quanto al fatto che l'ossessione scoppi improvvisa e non spiegata, a me sta bene così, proprio per quanto dicevo: jenifer è puro istinto e nessun raziocinio, disgusta ma è irresistibile (le bocce e la faccia deturpata sono una simbologia un pò scolastica, ma efficace). Lei stessa ha comportamenti primordiali (cibo, sesso e morte) e influenza chiunque entri nella sua sfera.
Ecco, diciamo che a me la "mano pesante" di argento ha sempre dato un pò fastidio anche nelle sue opere più blasonate, ma la vedo abbastanza consona al tema trattato...
Avatar utente
pkdick
Utente
Utente
 
Messaggi: 915
Iscritto il: domenica 26 settembre 2004, 1:06
Località: Mercogliano (AV)

Messaggioda Invisible » lunedì 7 gennaio 2008, 18:19

Secondo me, non bisogna prendere troppo alla lettera e troppo sul serio Argento in questo frangente... si tratta solo di un episodio di una serie TV. Mi pare che vogliate trovarci a tutti i costi lo "spessore" e la "fattura artistica" di un vero film, ma non è così.
Io, oltre ai tre da me commentati (Dante, Carpenter, Argento), ho visto anche gli episodi degli altri registi citati, e mi sembrano tutti ad un livello inferiore.
"Lui era bellissimo, ma Lei non lo vedeva proprio..."

Immagine
"It's the most horrible thing I've ever seen in my life!"

Immagine THE CINEPUZZLE
Avatar utente
Invisible
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 13925
Iscritto il: domenica 30 maggio 2004, 19:36

Messaggioda Folken » lunedì 7 gennaio 2008, 19:41

Invisible ha scritto:
vegeta85 ha scritto:Argento: ignobile


Avevo letto altrove il tuo commento e quello di Dick. Praticamente, l'avete stroncato. Io, invece, pur non considerandolo eccelso, l'ho trovato molto buono. I motivi li ho spiegati nella mia rece delle pagine addietro.
quoto, sicuramente non è il peggiore della serie
Immagine


Non incoraggiare un uomo perchè ha commesso un solo errore equivale a impedirgli di migliorarsi...
...Mi faccio suo garante perchè un tempo ha sbagliato. non si può accordare fiducia a chi non ha mai commesso errori.
Hagakure (I,50)
Avatar utente
Folken
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 2806
Iscritto il: martedì 25 febbraio 2003, 22:37
Località: Perugia

Messaggioda Folken » lunedì 7 gennaio 2008, 20:47

vegeta85 ha scritto:so di arrivare ultimo, ma sto recuperando alcuni episodi della prima serie...

i miei giudizi finora:

Carpenter e Dante: vicini al capolavoro
Landis: simpatico
Argento: ignobile

prossimamente mi vedo Hopper e Gordon
Hooper uno dei più brutti, carino quello di Coscarelli e The Fair Haired Child... anche Gordon non male, Dante... Bello ma troppo schierato... poi c'è Imprint di Miike e qui non esistono mezze misure, o si ama o si odia...
Immagine


Non incoraggiare un uomo perchè ha commesso un solo errore equivale a impedirgli di migliorarsi...
...Mi faccio suo garante perchè un tempo ha sbagliato. non si può accordare fiducia a chi non ha mai commesso errori.
Hagakure (I,50)
Avatar utente
Folken
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 2806
Iscritto il: martedì 25 febbraio 2003, 22:37
Località: Perugia

Messaggioda Folken » lunedì 7 gennaio 2008, 20:55

Dick Laurent ha scritto:
pkdick ha scritto:ma la messa in scena riesce ad essere a tratti suggestiva.


sarà, ma io la messa in scena non l'ho vista...tutto di second'ordine, fotografia scarsina, regia statica, musiche banali. Per i contenuti meglio lasciar eperdere, davvero, io ho rimpianto Il fantasma dell'opera...un brutto film che ha dalla sua una scenografia quasi affascinante ed una regia non ancora piatta come l'Argento odierno (anche se forse l'ultima bella regia, e parlo di tecnica e non di film, l'ho vista in Opera: movimenti e vrtuosismi gratuti fin che vi pare, ma almeno c'erano! :-28 ).


la regia di tipo "standard" senza troppi virtuosismi credo fosse uno dei punti del progetto MofH, se lo trovo posto l'articolo che avevo letto...
Immagine


Non incoraggiare un uomo perchè ha commesso un solo errore equivale a impedirgli di migliorarsi...
...Mi faccio suo garante perchè un tempo ha sbagliato. non si può accordare fiducia a chi non ha mai commesso errori.
Hagakure (I,50)
Avatar utente
Folken
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 2806
Iscritto il: martedì 25 febbraio 2003, 22:37
Località: Perugia

Messaggioda vegeta85 » lunedì 7 gennaio 2008, 20:58

Folken ha scritto:
Invisible ha scritto:
vegeta85 ha scritto:Argento: ignobile


Avevo letto altrove il tuo commento e quello di Dick. Praticamente, l'avete stroncato. Io, invece, pur non considerandolo eccelso, l'ho trovato molto buono. I motivi li ho spiegati nella mia rece delle pagine addietro.
quoto, sicuramente non è il peggiore della serie


mamma mia, chissà gli altri! :-28
I could live without so much
I can die without a clue
Sun keeps risin' in the west
I keep on wakin' fully confused
Avatar utente
vegeta85
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 16920
Iscritto il: sabato 18 gennaio 2003, 15:30
Località: Ferrara

Messaggioda Folken » lunedì 7 gennaio 2008, 21:16

Folken ha scritto:
Dick Laurent ha scritto:
pkdick ha scritto:ma la messa in scena riesce ad essere a tratti suggestiva.


sarà, ma io la messa in scena non l'ho vista...tutto di second'ordine, fotografia scarsina, regia statica, musiche banali. Per i contenuti meglio lasciar eperdere, davvero, io ho rimpianto Il fantasma dell'opera...un brutto film che ha dalla sua una scenografia quasi affascinante ed una regia non ancora piatta come l'Argento odierno (anche se forse l'ultima bella regia, e parlo di tecnica e non di film, l'ho vista in Opera: movimenti e vrtuosismi gratuti fin che vi pare, ma almeno c'erano! :-28 ).


la regia di tipo "standard" senza troppi virtuosismi credo fosse uno dei punti del progetto MofH, se lo trovo posto l'articolo che avevo letto...


ecco i dogmi

http://www.splattercontainer.com/SM_mas ... garris.php
Immagine


Non incoraggiare un uomo perchè ha commesso un solo errore equivale a impedirgli di migliorarsi...
...Mi faccio suo garante perchè un tempo ha sbagliato. non si può accordare fiducia a chi non ha mai commesso errori.
Hagakure (I,50)
Avatar utente
Folken
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 2806
Iscritto il: martedì 25 febbraio 2003, 22:37
Località: Perugia

Messaggioda Folken » lunedì 7 gennaio 2008, 21:28

vegeta85 ha scritto:
Folken ha scritto:
Invisible ha scritto:
vegeta85 ha scritto:Argento: ignobile


Avevo letto altrove il tuo commento e quello di Dick. Praticamente, l'avete stroncato. Io, invece, pur non considerandolo eccelso, l'ho trovato molto buono. I motivi li ho spiegati nella mia rece delle pagine addietro.
quoto, sicuramente non è il peggiore della serie


mamma mia, chissà gli altri! :-28
evita Hooper... e Cohen una mezza delusione... resto dell'idea che jenifer sia uno dei migliori lavori di argento degli ultimi anni...
Immagine


Non incoraggiare un uomo perchè ha commesso un solo errore equivale a impedirgli di migliorarsi...
...Mi faccio suo garante perchè un tempo ha sbagliato. non si può accordare fiducia a chi non ha mai commesso errori.
Hagakure (I,50)
Avatar utente
Folken
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 2806
Iscritto il: martedì 25 febbraio 2003, 22:37
Località: Perugia

Messaggioda pkdick » lunedì 7 gennaio 2008, 22:02

a me hooper non è dispiaciuto (per quanto riguarda la prima serie, quello della seconda è pessimo).
i peggiori in assoluto mi sono sembrati mcnaughton (ridefinisce nuovi standard per il termine "ridicolo") e garris (stessa cosa, ma per "inutile").
certo, restano perle rispetto ad alcuni vertici di bassezza della seconda serie.
Avatar utente
pkdick
Utente
Utente
 
Messaggi: 915
Iscritto il: domenica 26 settembre 2004, 1:06
Località: Mercogliano (AV)

Messaggioda Chobin » lunedì 11 febbraio 2008, 14:56

Dopo un po' di tempo, arrivo anch'io... :ar


Cigarette burns

Un ottimo lavoro, che ci tranquillizza ampiamente (se mai ce ne fosse bisogno) sulle capacità ancora alte di questo straordinario regista.
Un omaggio alla settima arte, con un tema intrigante, quello del film maledetto, che come uno snuff movie (si veda in proposito anche l'ottimo Tesis di Amenabar) tenta la morbosità del mercenario protagonista...
Il finale è un pugno nello stomaco: davvero inquietante, ad esempio, [spoiler]l'idea dell'angelo con le ali strappate.[/spoiler]
Imperdibile.


Jenifer

E' un film di Argento? Da cosa si capisce? :think
Da pochissime cose: il tema musicale (sempre il solito... :cof) di Simonetti, la scena del gatto (che ricorda l'episodio di Due occhi diabolici), e qualcos'altro, di scarsa rilevanza...
Ottimi gli effetti di Nicotero e alto il livello di splatter, ma a parte questo c'è ben poco da salvare.
Ad esempio, c'è troppo sesso, che anzichè giovare al ritmo fa scemare pesantemente la tensione.
Il finale è prevedibilissimo e artificioso.
Alla fine, è sempre meglio de Il cartaio, certo, ma Dario Argento dov'è?
In questa ennesima fatica, non appare forse come la parodia di stesso?
Non sembra l'imbarazzante e altalenante lavoro di un giovane regista americano che vuole citare il vecchio Argento per darsi un tono?
Non so voi ma la mia impressione è stata questa... :(
Sono sicuro di aver fatto solo grandi stronzate.
Sono un artigiano. Un artigiano romantico, di quelli scomparsi.
Ho fatto il cinema come fare le seggiole...

Mario Bava

Ho deciso di essere educato in un mondo di maleducati.
Antonio Margheriti
Avatar utente
Chobin
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 9293
Iscritto il: venerdì 20 dicembre 2002, 12:24
Località: Roma

Messaggioda Dick Laurent » lunedì 11 febbraio 2008, 16:21

Chobin ha scritto:Non sembra l'imbarazzante e altalenante lavoro di un giovane regista americano che vuole citare il vecchio Argento per darsi un tono?


se leggi un po' indietro vedrai che almeno io e vegeta siamo d'accordo con te: in particolare la frase che ho riportato è interessante, non l'avevo pensata in questi termini ma effettivamente...

Ho visto l'episodio di Garris, che parte da un sunto tutto sommato interessante ma si perde in un mare di banalità: l'episodio passa ma non lascia nulla, mi è parso piuttosto superfluo.
Carpenter conferma di essere un genio: in meno di un'ora c'é bisogno di una stringatezza che un soggetto così ampio ed interessante non permette e qualche sbocco narrativo (il suicidio della ragazza) è inconcludente e superfluo, ma la tensione è alle stelle, la messa in scena perfetta e sa creare un'aura di disturbante mistero intorno al fittizio film. Moltissime le trovate suggestive e qualche simpatica autocitazione. Fino ad adesso è l'episodio migliore, anche se la mia prossima visione sarà Homecoming di Dante che mi ispira tantissimo.

:-9
[font=Lucida Console]AXX° n N[/font]

ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine Immagine
Avatar utente
Dick Laurent
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 2495
Iscritto il: martedì 20 marzo 2007, 17:00
Località: Mulholland drive...

Messaggioda Invisible » lunedì 11 febbraio 2008, 16:51

Chobin ha scritto:Jenifer

In questa ennesima fatica, non appare forse come la parodia di stesso?
[...]
Non sembra l'imbarazzante e altalenante lavoro di un giovane regista americano che vuole citare il vecchio Argento per darsi un tono?


Io l'ho visto come un tuffo nel passato, un'autocitazione che sa anche molto di autoironia. Considerato il tipo di prodotto (un telefilm di una serie horror in odore di "classicismo") non va giudicato come un film-clone sulla scia dell'ultimo Argento, ma quasi come un nostalgico e consapevole lascito ai fan.
Almeno io la penso così...
"Lui era bellissimo, ma Lei non lo vedeva proprio..."

Immagine
"It's the most horrible thing I've ever seen in my life!"

Immagine THE CINEPUZZLE
Avatar utente
Invisible
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 13925
Iscritto il: domenica 30 maggio 2004, 19:36

Messaggioda Chobin » lunedì 11 febbraio 2008, 17:04

Dick Laurent ha scritto:se leggi un po' indietro vedrai che almeno io e vegeta siamo d'accordo con te


Sì, sì, ho letto i vostri commenti e su questo episodio di Argento la penso come voi. E mi spiace dirlo... :-26

Ho visto l'episodio di Garris, che parte da un sunto tutto sommato interessante ma si perde in un mare di banalità: l'episodio passa ma non lascia nulla, mi è parso piuttosto superfluo.
Carpenter conferma di essere un genio: in meno di un'ora c'é bisogno di una stringatezza che un soggetto così ampio ed interessante non permette e qualche sbocco narrativo (il suicidio della ragazza) è inconcludente e superfluo, ma la tensione è alle stelle, la messa in scena perfetta e sa creare un'aura di disturbante mistero intorno al fittizio film. Moltissime le trovate suggestive e qualche simpatica autocitazione. Fino ad adesso è l'episodio migliore, anche se la mia prossima visione sarà Homecoming di Dante che mi ispira tantissimo.

:-9


Per il momento ho visto solo questi due, ma presto vedrò anche gli altri.
Anche a me ispira molto Dante: ne hanno detto tutti un gran bene. :king
Sono sicuro di aver fatto solo grandi stronzate.
Sono un artigiano. Un artigiano romantico, di quelli scomparsi.
Ho fatto il cinema come fare le seggiole...

Mario Bava

Ho deciso di essere educato in un mondo di maleducati.
Antonio Margheriti
Avatar utente
Chobin
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 9293
Iscritto il: venerdì 20 dicembre 2002, 12:24
Località: Roma

Messaggioda Chobin » lunedì 11 febbraio 2008, 17:25

Invisible ha scritto:Io l'ho visto come un tuffo nel passato, un'autocitazione che sa anche molto di autoironia. Considerato il tipo di prodotto (un telefilm di una serie horror in odore di "classicismo") non va giudicato come un film-clone sulla scia dell'ultimo Argento, ma quasi come un nostalgico e consapevole lascito ai fan.
Almeno io la penso così...


Quanto all'autoironia forse hai ragione, ma Argento non lo vedo un tipo "ironico" come Carpenter o Craven... :think
Mi è sembrato più un volersi accattivare il solo pubblico americano, con qualche zampata vecchio stile che ne identificasse immediatamente l'autore.
Prendiamo il tema di Simonetti: è completamente sviante e fuori luogo.
La musica infantile sui titoli di testa fa ben sperare: non è originale, è vero, ma fa pregustare il meglio...
I primi 5 minuti del film, però, tradiscono subito le aspettative, perchè lo stile è un altro e con la musica non ci azzecca niente...
Non dico che Dario "non ci sia più": ad esempio, la scena del bosco, con l'adescamento del giovane, è tutta argentiana.
Anche la protagonista, che ci ricorda il pupo di Phenomena, è una sua classica creatura (anche se viene mostrata troppo e alla fine è ridicola).
Insomma, qualcosa di interessante c'è, ma francamente è poco: ci sono troppi errori, troppe ingenuità che fanno pensare ad un novellino più che al regista di Profondo rosso... :(
Visto nel complesso, mi è parso un lavoro altalenante: più giù che su...
E mi chiedo perchè un autore con la sua esperienza sia in grado di fornirci solo queste prove mediocri... :-4 :-4 :-4
Sono sicuro di aver fatto solo grandi stronzate.
Sono un artigiano. Un artigiano romantico, di quelli scomparsi.
Ho fatto il cinema come fare le seggiole...

Mario Bava

Ho deciso di essere educato in un mondo di maleducati.
Antonio Margheriti
Avatar utente
Chobin
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 9293
Iscritto il: venerdì 20 dicembre 2002, 12:24
Località: Roma

Messaggioda Invisible » lunedì 11 febbraio 2008, 17:35

Chobin ha scritto:Quanto all'autoironia forse hai ragione, ma Argento non lo vedo un tipo "ironico" come Carpenter o Craven... :think


Beh... io c'ho visto più Raimi, se hai letto la mia rece alla pagina 2 del topic, dove parlo pure del tema musicale. Ma non mi sembra così slegato come episodio. Forse più scontato che bello, comunque la mediocrità appartiene piuttosto ai film recenti, paradossalmente più "televisivi" di questo Jenifer...
"Lui era bellissimo, ma Lei non lo vedeva proprio..."

Immagine
"It's the most horrible thing I've ever seen in my life!"

Immagine THE CINEPUZZLE
Avatar utente
Invisible
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 13925
Iscritto il: domenica 30 maggio 2004, 19:36

Messaggioda Chobin » lunedì 11 febbraio 2008, 17:56

Invisible ha scritto:
Chobin ha scritto:Quanto all'autoironia forse hai ragione, ma Argento non lo vedo un tipo "ironico" come Carpenter o Craven... :think


Beh... io c'ho visto più Raimi, se hai letto la mia rece alla pagina 2 del topic, dove parlo pure del tema musicale. Ma non mi sembra così slegato come episodio. Forse più scontato che bello, comunque la mediocrità appartiene piuttosto ai film recenti, paradossalmente più "televisivi" di questo Jenifer...


Hai ragione, anche se Raimi sa giocare benissimo con il tragicomico mentre Argento sguazza nel ridicolo... :-)
Jenifer, con quella faccia assurda mostrata continuamente e quella voce lamentosa, sembra uscita più da Scary movie che da The elephant man...
Argento parlava di una storia d'amore, ma qui di amore non se ne vede l'ombra: c'è solo sesso... e 5 scene di sesso in 1 ora sono troppe, dai...
Troppe cose non convincono: [spoiler]come fa il poliziotto a toglierla ad un manicomio e a portarla a casa sua? Perchè nessuno indaga sulla scomparsa della bambina vicina di casa? Lui è un poliziotto ma se ne frega di denunciare tutti quegli omicidi... per amore? No! Solo per una sc... (anzi per 5) :zitto :-)[/spoiler]
Insomma, è un lavoro quantomeno pasticciato...
Purtroppo (o per fortuna), non ho visto Do you like Hitchcock? e La terza madre... al cui confronto questo Jenifer mi apparirà probabilmente come una perla... :-27
Forse ho esagerato a definirlo mediocre (qualcosa in fondo mi è piaciuta), diciamo allora che è sufficiente. :-3
Ma stiamo parlando di Dario Argento non di un Alex Infascelli qualunque... :-26
Sono sicuro di aver fatto solo grandi stronzate.
Sono un artigiano. Un artigiano romantico, di quelli scomparsi.
Ho fatto il cinema come fare le seggiole...

Mario Bava

Ho deciso di essere educato in un mondo di maleducati.
Antonio Margheriti
Avatar utente
Chobin
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 9293
Iscritto il: venerdì 20 dicembre 2002, 12:24
Località: Roma

PrecedenteProssimo

Torna a TV - il piccolo schermo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti