[RECE] Il quinto potere (2013) voto 8.25 (5.7 per Imdb)

Commenti sui film presenti nelle sale e non solo.

Moderatori: darkglobe, nocciolo, sandman, Invisible

[RECE] Il quinto potere (2013) voto 8.25 (5.7 per Imdb)

Messaggioda gipal » sabato 26 ottobre 2013, 11:35

Per questo i miei capelli sono bianchi (Julian Assange)
Immagine

Ne più ne meno di come fece David Fincher con The Social Network (che narrava la storia della nascita di Facebook), Bill Condom (uno dei miei registi preferiti, non fosse altro perché regista del supremo Demoni e Dei, film onirico sulla vita e il dramma del regista omosessuale James Whale, regista di Franknstein e L'uomo invisibile), anche in questo Il quinto potere, ci narra la nascita di Wikileaks.

In entrambe le storie il rapporto tra il fondatore e il "braccio destro" è finito a putt**e, ma mentre nel film di Fincher la storia è vista dal punto di vista di Mark Zuckerberg, nel film di Condom, sceneggiato proprio da un libro di Daniel Berg, il povero Julian Assange non ne esce proprio bene (forse così si giustifica il bassissimo 5.7 di Imdb?)

Nel film vengono descritte le "bombe di Assange", dalla Julius Bär alla corruzione della polizia in Kenya, dal famigerato "omicidio collaterale" dei soldati americani in Iraq (ove vennero trucidati dagli Apache, anche due giornalisti della Reuters), dallo scandalo della banca islandese Kaupthing per chiudere con il cablegate 2010, che sancisce la defititiva rottura tra Assange e Daniel Berg (qui interpretato da Daniel Brühl, che già era stato un Niki Lauda credibilissimo in Rush di Ron Howard). Il motivo della rottura è che Daniel Berg (meglio noto con lo pseudonimo di Daniel Schmitt), notoriamente la parte "coi piedi per terra" di Assange, vorrebbe revisionare le quasi 500 mila leaks ottenute da un soldato 22enne che in un CD-ROM (manco una pen drive), con su scritto Lady Gaga, s'era copiato l'intero Hard Disk del Dipartimento di Stato amricano. La bomba esce amplificata da alcuni importanti giornali, The Guardian in testa, ma Assange che ormai ha rotto con Berg, diffonde 251.287 di quei documenti senza la necessaria revisione, mettendo a repentaglio le vite degli informatori. Julian Assange è quindi odiato dal mondo intero, viene anche accusato di aver stuprato due ragazze svedesi, alla fine lui ammette il rapporto sessuale, ma ovviamente consensiente. Oggi l'australiano è costretto a vivere all'ambasciata dell'Ecuador a Londra.

Il film è a tratti onircio, dicevamo, Bill Condom in Gods and Monsters ci mostra una love story inventata di James Whale con il suo bel giardiniere (interpretato da Brendan "La mummia" Fraser), finita col suicidio (questo vero), del regista ed il ritrovamento del suo corpo nella sua piscina. Anche in questo film, vengono mostrate delle scene oniriche (10, 100, 1000 Assange che lavorano ad una scrivania ed altrettanti Berg che alla fine distruggono tutto). Il mio giudizio di entusiasmo, lo ammetto, come per The Social Network, in primo luogo si lega al soddisfacimento della mia curiosità sulla nascita del fenomeno Wikileaks, al mio viscerale amore per i bio-pic, ma anche alla fiducia nel regista che non delude certo le mie attese. Non conoscevo l'attore Benedict Cumberbatch, dico solo che a mio avviso in questo film è fantastico, di Brühl ho già detto.
Immagine Immagine
Avatar utente
gipal
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 6057
Iscritto il: venerdì 7 febbraio 2003, 18:45
Località: Sicilia

Torna a Cinema

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron