[Blu-ray] Viaggio in Italia (1954) di Roberto Rossellini

Pellicole cult e film che hanno fatto la storia del cinema, dalla sua nascita al 1980.

Moderatori: ivs, giuphish, darkglobe, Invisible

[Blu-ray] Viaggio in Italia (1954) di Roberto Rossellini

Messaggioda Riki333 » martedì 13 dicembre 2011, 17:15

Esce il 21/2/2012, per la Flamingo Video.

Viaggio in Italia (Blu-Ray Disc)

Immagine

E' uno dei film più importanti di Roberto Rossellini, che se non erro, non è mai stato pubblicato nel nostro paese.

Saluti ;)
Riki333
Utente
Utente
 
Messaggi: 961
Iscritto il: domenica 10 ottobre 2010, 23:38
Località: Bologna

Re: [Blu-ray] Viaggio in Italia (1954) di Roberto Rossellini

Messaggioda Dan8700 » martedì 13 dicembre 2011, 20:17

non è mai stato pubblicato nel nostro paese.

Yes (solo una pessima BFI all'estero), e IMO il suo più bello con Europa '51.
Dan8700
Utente
Utente
 
Messaggi: 613
Iscritto il: mercoledì 4 novembre 2009, 13:55
Località: Rome

Re: [Blu-ray] Viaggio in Italia (1954) di Roberto Rossellini

Messaggioda Riki333 » giovedì 12 gennaio 2012, 2:03

Attenzione stando a questa scheda: http://www.generalvideo.it/details.php?f=500 ,sembra che non ci sarà la lingua originale (INGLESE).
Inoltre si tratterà della versione da 83'.

Saluti ;)
Riki333
Utente
Utente
 
Messaggi: 961
Iscritto il: domenica 10 ottobre 2010, 23:38
Località: Bologna

Re: [Blu-ray] Viaggio in Italia (1954) di Roberto Rossellini

Messaggioda Saimo » giovedì 12 gennaio 2012, 11:14

Esiste anche un'edizione francese, con doppio audio italiano e inglese, ma sottotitoli solo francesi.
Esistono due montaggi "d'autore" del film, quello internazionale (nel DVD BFI) e quello per il mercato italiano (nel DVD francese). La differenza, al di là della lingua parlata, dovrebbe essere per una singola scena, che nell'edizione in inglese è più lunga.
Avatar utente
Saimo
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 2505
Iscritto il: sabato 25 agosto 2007, 12:49
Località: Roma

Re: [Blu-ray] Viaggio in Italia (1954) di Roberto Rossellini

Messaggioda Dan8700 » giovedì 12 gennaio 2012, 14:17

sembra che non ci sarà la lingua originale

ImmagineImmagine
Dan8700
Utente
Utente
 
Messaggi: 613
Iscritto il: mercoledì 4 novembre 2009, 13:55
Località: Rome

Re: [Blu-ray] Viaggio in Italia (1954) di Roberto Rossellini

Messaggioda Saimo » giovedì 12 gennaio 2012, 15:05

Il BFI dura 81'42", il francese 79'24".
La scena in più inizia al minuto 18.

Immagine
Avatar utente
Saimo
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 2505
Iscritto il: sabato 25 agosto 2007, 12:49
Località: Roma

Re: [Blu-ray] Viaggio in Italia (1954) di Roberto Rossellini

Messaggioda Dan8700 » martedì 27 marzo 2012, 13:46

Dan8700
Utente
Utente
 
Messaggi: 613
Iscritto il: mercoledì 4 novembre 2009, 13:55
Località: Rome

Re: [Blu-ray] Viaggio in Italia (1954) di Roberto Rossellini

Messaggioda luctul » martedì 27 marzo 2012, 14:45

concordo con la tua analisi...forse (tecnicamente)la migliore uscita della flamingo in bd...peccato non possano editare pure Europa 51 (a completamento della trilogia della solitudine)perchè come mi hanno detto non ne hanno i diritti(che dovrebbero essere del cecco)
Scaricare contenuti protetti da copyright è illegale e punibile di legge.
Togliere le protezioni ad un Bd o DVD anche in casa propria è illegale e punibile di legge
Avatar utente
luctul
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 2847
Iscritto il: lunedì 26 marzo 2007, 17:14
Località: Bologna

Re: [Blu-ray] Viaggio in Italia (1954) di Roberto Rossellini

Messaggioda Dan8700 » martedì 27 marzo 2012, 16:49

Sì, Europa '51 è della Dolmen-CG. Ho il DVD - che è parecchio valido, peraltro.
Dan8700
Utente
Utente
 
Messaggi: 613
Iscritto il: mercoledì 4 novembre 2009, 13:55
Località: Rome

Re: [Blu-ray] Viaggio in Italia (1954) di Roberto Rossellini

Messaggioda harryblock » domenica 1 aprile 2012, 23:00

La qualità di questo bluray è davvero commovente, è solo un gran peccato che manchi la versione in inglese.....come d'altra parte anche negli altri film di Rossellini pubblicati dalla Flamingo. Hanno infatti risposto a una mia email spiegando che per complicatissime ragioni di diritti hanno potuto mettere mano solamente sulle versioni italiane.
In effetti Rossellini aveva perso i diritti su praticamente la sua intera produzione a causa di problemi finanziari...........
Possedendo il dvd francese con traccia originale, però, sarebbe un'idea interessante rimasterizzare il bluray aggiungendo quella traccia, ma mmetto di non aver mai fatto operazioni di questo tipo su un bluray..........
Avatar utente
harryblock
Nuovo Utente
Nuovo Utente
 
Messaggi: 109
Iscritto il: sabato 9 luglio 2011, 12:46

Re: [Blu-ray] Viaggio in Italia (1954) di Roberto Rossellini

Messaggioda luctul » giovedì 18 ottobre 2012, 12:54

finalmente visto per intero e non posso che confermare la qualità elevatissima del blu-ray impreziosito peraltro da molti extra...solo un piccolo appunto...ho notato che non sempre le immagini paiono fluide...qualche scattino di troppo...qualcuno che lo ha visionato può confermare o smentire?
Scaricare contenuti protetti da copyright è illegale e punibile di legge.
Togliere le protezioni ad un Bd o DVD anche in casa propria è illegale e punibile di legge
Avatar utente
luctul
Utente Avanzato
Utente Avanzato
 
Messaggi: 2847
Iscritto il: lunedì 26 marzo 2007, 17:14
Località: Bologna

Re: [Blu-ray] Viaggio in Italia (1954) di Roberto Rossellini

Messaggioda bubuwest » sabato 20 ottobre 2012, 10:19

Io l'ho guardato l'altra sera, ma non ho notato alcun tipo di scattosità...tieni conto però che l'ho visto su un 32' hd ready, forse se si tratta di scatti di piccola entità si avverte di più su uno schermo più grande full hd...
When the legend becomes fact, print the legend.
Avatar utente
bubuwest
Utente
Utente
 
Messaggi: 552
Iscritto il: martedì 9 novembre 2010, 0:49

Re: [Blu-ray] Viaggio in Italia (1954) di Roberto Rossellini

Messaggioda ivs » mercoledì 16 ottobre 2013, 16:03

Immagine

RECENSIONE:

Terzo episodio della "Trilogia della solitudine", di cui fanno parte anche "Stromboli" ed "Europa 51", "Viaggio in Italia" rappresenta una delle vette assolute dell'arte rosselliniana, come ormai unanimemente riconosciuto da critica e pubblico nazionali ed esteri.
Prima di assurgere allo status di capolavoro - è giusto ricordarlo - il film ebbe una vita assai travagliata. All'epoca la critica italiana lo stroncò senza pietà, reo Rossellini di aver abbadonato il suo stile neorealista in favore di un linguaggio "improvvisato" (che di lì a poco, diventerà il marchio dei cineasti della Nouvelle Vague) e di aver toccato temi, quali la "crisi di coppia", che destavano ben poco interesse sul pubblico, in particolare quello legato ad un (finto) perbenismo borghese e cattolico.
Alla bocciatura della carta stampata, si accompagnò anche il tonfo al botteghino, tanto che si racconta di una première andata pressoché deserta, nonché incassi risibili nei mesi successivi.
Il film venne, per fortuna, riscoperto, rivalutato e valorizzato da alcuni giovani "illuminati", che al tempo lavoravano per i "Cahiers du Cinema" e rispondevano al nome di Truffaut, Bazin, Rivette. Questi usarono toni trionfalistici per Rossellini, arrivando a sostenere che "<i>c'era un cinema prima di Viaggio in Italia e un cinema dopo Viaggio in Italia</i>", aprendo la strada alla rivalutazione dell'opera omnia rosselliniana (inaugurata in Italia dal critico Aprà), e traendo dal suo stile asciutto, libero e diretto, importanti lezioni, di lì a poco trasfuse nel nascituro movimento francese della "Nouvelle Vague".
Chiusa questa parentesi storica, non si può che passare all'analisi del lato artistico della pellicola.
"Viaggio in Italia" è, prima di tutto, il viaggio all'interno di una coppia. L'incomunicabilità (tema poi ripreso da Antonioni), l'apatia, la frustrazione e l'egoismo di una giovane coppia borghese viene trattato quasi "ferocemente" dal regista romano. Non c'è spazio per alcun tono consolatorio o buonista, eccetto forse per il finale. Durante tutto lo svolgimento si assiste al disfacimento del velo di apparenza borghese fatto di finta comprensione, gesti affettati e obbligate attenzioni. La coppia è messa alla berlina nel suo sfaldarsi ed i pellegrinaggi della Bergman altro non sono che percorsi obbligati nella consapevolezza di essere "uno e altro" rispetto al partner. D'altronde, come in ogni coppia, i sentimenti e le paure oscillano, si accavallano, si ribaltano in una danza sfiancante verso un'agognata consapevolezza (di amare, di odiare), che difficilmente vira in una precisa direzione, assumendo contorni sfumati ed indecifrabili.
La definizione delle psicologie operata da Rossellini (che scriveva i dialoghi la mattina stessa, prima di girare, scatenando le ire di un furibondo Sanders) è maniacale, precisa, lacerante tanto è reale. Siamo di fronte ad un gioco degli opposti: attrazione-repulsione, attesa-impazienza, tolleranza-nervosismo. Alla fine del viaggio, niente sarà più come prima (per la coppia, per lo spettatore). O si tratta, invece, dell'ennesima beffa di un regista che prova ad illuderci sul fatto che l'amore risponda a logiche razionali e sia "afferrabile"? La risposa è aperta, gli interrogativi infiniti. E forse sta in questo, la grandezza del film.

Voto: 9

ANALISI BLU-RAY FLAMINGO:

Video: Video di gran livello. La pellicola è stata sottoposta ad un accurato restauro fotochimico, che mette in mostra una definizione straordinaria, un'ottima scala di grigi ed una grana intatta (nessun DNR o EE), sebbene emergano ogni tanto alcuni difetti fisici e fastidiosi cambi di rullo che solo un restauro digitale potrebbe eliminare. In definitiva, non si era mai visto il film in queste condizioni.

Audio: Doppiaggio d'epoca perfettamente ripulito ed intellegibile.

Extra: Veramente ottimi e mai promozionali. Tra questi meritano attenzione l'eccellente contributo video di Valerio Caprara (15'), la videointervista di Renzo Rossellini e l'estratto in cui Scorsese analizza il film, tratto dal suo documentario sul cinema italiano. Favolose poi le recensioni di Truffaut e Bazin, riportate integralmente.
Avatar utente
ivs
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 10344
Iscritto il: lunedì 23 dicembre 2002, 21:26
Località: Cagliari


Torna a Cult e classici del passato

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 18 ospiti